utente: Mokella

profilo


Mokella Specie evoluta di maestra.Il mio difetto è quello di avere troppa pazienza.Fino a quando non mi "sfasterio".La coerenza è la mia arma migliore e ho imparato a saper aspettare.I miei stati d'animo me li scrivo ogni giorno in faccia.Ogni giorno uguale.Ogni giorno diverso.Non so dissimulare.E fingere che tutto vada bene.Anche se nascondo sempre tutto con un sorriso.La mia arma migliore è l'ironia, la battuta pronta che puntualmente sdrammatizza e strappa un sorriso.Non mi piace raccontarmi.Preferisco ascoltare.Mi interessano le persone, le loro storie e vedo che ognuno sente il gran bisogno di raccontarsi.Perché tanti parlano ma nessuno ascolta.
Pittrice per caso; per il momento congelo le idee a quando avrò tempo per dedicarmici.Scrivente a tempo perso.Le mazzate che ho preso nel corso di questi ultimi anni mi hanno cambiata.Profondamente.Ho ibernato il cuore e indossato una corazza antisfondamento emotivo che solo qualche quadratura astrale potrebbe costringermi a lasciare.Per fidarmi di nuovo.Perché quello ti rende.Debole. Dipendente.Ricattabile.Se.
La persona che hai vicino non è adatta a te.Ho tentato e giocato.Ma ho perso.Altre mazzate.Vorrei liberarmi dalle zavorre ma è difficile.Dura.C'è troppo in gioco.E medio.A volte non mi riconosco."Sei troppo dura"mi ha detto una volta un venditore sulla spiaggia scuotendo la testa.Tutto mi scivola addosso e non riesco a essere coinvolta.Mi incavolo solo quando la mia fiducia viene tradita o vedo che la gente non capisce.Divento una belva se tentano di manovrare la mia vita e ingabbiarmi o capisco che mi prendono per i fondelli e vedo le storture.Solo con i bambini abbasso le difese.Lì non devi alzare la guardia.Puoi essere te stessa e farti coccolare .I bambini non hanno filtri.E neanche io con loro.Non piango mai.Non più.Non ne vale la pena.Annego la realtà nei sogni e mi sveglio coi riflessi dei sogni che mi accompagnano. Avrei preferito avere le idee e la consapevolezza di oggi qualche anno fa. Qualcuno ha detto che la nostra vera casa è dove abita il cuore.Ebbene il mio cuore allora alberga a Gaeta,seppellito nella sabbia della piana di sant'Agostino, una fettuccia di spiaggia tra Gaeta e Sperlonga che la politica non tutela, le lobby ibernano e gli operatori del settore cercano di salvaguardare come possono.A Gaeta c'è la mia vera vita,pochi amici ma buoni con i quali puoi parlare di tutto e un'insegnante in pensione molto indipendente che adoro.La vita tranquilla, il mare e la spiaggia a portata di mano, quella distesa infinita che ti ridimensiona e rende tutto relativo, anche i pensieri turbolenti,mi ricarica e rigenera e cerco di conservarne addosso quanto più a lungo il ricordo.Nell'abbronzatura e nel cuore. E così,quando è possibile, scappo oltre il Garigliano, riappropriandomi di quella parte di me che nella routine quotidiana perdo di vista.Nonostante ciò e la fatica di vivere in un posto come Napoli, non cambierei mai città se non per motivi lavorativi definitivi.Da precaria non potrei rifiutare un'offerta T.I. anche se provenisse dal polo nord.Visto la possibilità remota di tale evento, resto in trincea e, nel mio piccolo, faccio sentire la mia voce contro le storture che mi capitano sott'occhio. Al blog-nato per caso nell'ottobre 2007-e alla mia passione per lo scrivere, va l' esiguo tempo libero che mi resta una volta sistemato tutto l'anbaradan familiare quotidiano. Terapeuticamente il blog si è trasformato in un dialogo con me stessa, specchiandomi nelle vite altrui.Il contatto con tanti diversi modi di pensare,il confrontarsi, discutere e conoscere è un arricchimento continuo a 360°,insieme alla fortuna di incontrare persone speciali.Tendenzialmente di sinistra (quale?) ma soprattutto annoiata dai mezzucci della politica.Adoro la cioccolata in ogni sua forma di espressione, ma mi impongo rinunce faticose.Anche questo rimpianto con altri.Più pesanti ma forse non ancora irrimediabili. Vedrò.
Sui titoli di coda, alcuni versi che avevo scritto e dimenticato.Ritrovati, li lascio qui.

Ti sembra di sentire un alito caldo sul collo.
Ricordi.
Uno sguardo che ti trafigge.
Un sorriso che ti riscalda.
La mente brucia.
Arde più di un fuoco.
Il cuore fa splash.
Ti sembra di esserci seduta accanto.
Illusoriamente vicina vicina.
Alla tua idea di felicità.


i miei interessi

Letteratura
sciascia, orwell, jane austen, de crescenzo, il fu mattia pascal, il giorno della civetta, le città invisibili italo calvino tutto ciò che mi informa.

Musica
dream theatre, queen, scorpions, john legend, michael bolton, brian adams e altri.

Cinema
telefilm criminal minds, ncis... periodic drama bbc in lingua originale

Arte
impressionismo van gogh. picasso.klimt.munch.

Sport
calcio -napoli forever- automobilismo

Altro
mare.scrivere.pensare.leggere.capire.sperare.


in genere mi piace
Il mare è lo specchio di quello che noi siamo. Calmo,appena mosso, agitato.Blu e brulicante di vita.Grigio e metallico come sentimenti feriti.Ci specchiamo e ci guardiamo.E aspettiamo.





il mio geotag