utente: thaleia

profilo


Thaleia Associati, nasce dall'esigenza di individuare un vero ricambio generazionale nel mondo dello spettacolo, un ricambio che non sembra emergere nel panorama odierno, crede nella formazione.
Con l'obiettivo di creare uno stile Thaleia, cioè, per quanto possibile, formare artisti e tecnici, animati da autentica passione e volontà di intraprendere la strada dello spettacolo nel modo migliore, con la preparazione necessaria, conquistata con un impegno serio e costante.
Thaleia, proprio perchè formata da professionisti in piena attività vuole anche formare figure dello spettacolo da impiegare in produzioni e progetti.




in genere mi piace
Spesso nel mondo dello spettacolo si ha bisogno di artisti e tecnici per realizzare un progetto o uno spettacolo e anche chi lavora da anni negli altri settori di questo affascinante mestiere, come l'ufficio stampa, spesso ricorre ad aiuti e assistenti per organizzare e realizzare il proprio lavoro. Gli interessi di chi cerca e di offre lavoro in questo campo sono comuni per un risultato che soddisfi le reciproche esigenze e per la continuità del rapporto. Purtroppo, quasi sempre, sia nel campo della realizzazione di uno spettacolo che nel campo tecnico o della comunicazione, spesso ci si affida all'improvvisazione e alla buona o cattiva volontà del datore di lavoro di fare una sorta di preparazione sul campo. E' vero che la pratica è anche un modo immediato di imparare, ma è anche un po' utopistico pensare che il suddetto datore di lavoro (metti un capoufficio stampa) sia disponibile ad insegnarti le regole fondamentali della comunicazione (tuttalpiù finisce per farti fare la rassegna stampa, consegnare le buste ai giornali o impegnarti nei "recall" che lui non vuole fare). Nello stesso modo un regista, preso dalla realizzazione dell'insieme, spesso sopporta la cattiva fonetica di un protagonista o tollera un portamento sbagliato perchè è troppo preoccupato del debutto e di cosa diranno del suo lavoro, e soltanto del suo lavoro, i critici. Cosicchè, fare l'attore in uno spettacolo, qualora si venga scelti durante un provino ( a proposito, perchè gli attori non preparano mai un provino che sia un po' originale e che corrisponda al proprio carattere? Ancora oggi, se si pensa di essere comici si presenta un brano di Petrolini, oppure un pezzetto di un monologo dell'ultimo autore interpretato negli altri casi: costa così tanto studiare? Il provino non dovrebbe affascinare, inchiodare, dimostrare...etc etc? ) diventa spesso un'occasione sporadica invece che una crescita e un'affermazione, anche per chi ha effettive potenzialità.





il mio geotag